ARIV V.4 contro l'epicondilite
L’epicondilite nel padel: è arrivato l’undergrip Ariv


L’epicondilite è uno dei problemi fisici più frequenti per chi gioca a padel. Tuttavia, grazie all’undergrip ARIV V.4, è un problema del passato. Con il V.4 siamo non solo in grado di prevenire, ma anche di limitare i primi sintomi.


Procurati subito il tuo V.4

Rimedi contro l’epicondilite: gestione e terapie

L’epicondilite

L’epicondilite è una patologia molto comune, che in Italia colpisce dall’1% al 3% della popolazione tra i 25 e i 60 anni (Humanitas Research Hospital).

Si tratta di un disturbo a carico del gomito dovuto alla degenerazione di un tendine alla sua inserzione ossea sull’epicondilo omerale (piccola sporgenza ossea terminale dell’omero che si trova nel gomito).

Questa condizione, che provoca dolore anche molto intenso, è una conseguenza del sovraccarico tendineo dovuto a una continua sollecitazione dei muscoli epicondiloidei (quei muscoli, cioè, che permettono l’estensione del polso e delle dita della mano).

Il cosiddetto ‘gomito del tennista’ è di solito determinato da un un uso eccessivo e continuato del gomito in situazioni di forte stress, come possono essere gli sport di racchetta, lavori che richiedono di sollevare pesi importanti o di passare molto tempo al computer.

L’epicondilite è un problema da gestire con molta cura, per diversi motivi. Innanzitutto, si tratta di un’infiammazione ad alto rischio di cronicità, ed è perciò specialmente sconsigliato trattarla prendendo scorciatoie, o ancora peggio, ignorarla. Un’altro aspetto riguarda la natura delle terapie solitamente più efficaci nel risolverla: l’approccio terapeutico all’epicondilite è generalmente conservativo e prevede l’utilizzo di antinfiammatori, terapie fisiche (come laserterapie e onde d’urto focali), sedute di fisioterapia e stretching, e fondamentalmente, tanto riposo e inattività.

La risposta di ARIV

Fortunatamente, grazie ad ARIV, abbiamo un modo di prevenire o bloccare sul nascere i problemi di epicondilite, senza dover rinunciare a giocare a padel.

Questo è possibile grazie all’undergrip ARIV V.4.

L’undergrip ARIV V.4 è sia un metodo di prevenzione che una terapia per impedire ai primi sintomi l’epicondilite di aggravarsi, il tutto permettendo di continuare a giocare a padel.

Si tratta di un undergrip, ovvero di un isolante di spessore 2,2 mm da applicare tra il manico e il normale nastro overgrip. Visto lo spessore minimo e il frequente bisogno di aggiungere ulteriori overgrip per raggiungere il proprio diametro ottimale del grip, il V.4 è un aggiunta assolutamente non invasiva per le vostre abitudini, qualsiasi sia la grandezza complessiva del manico che preferite.

Il V.4 è in grado di assorbire completamente le vibrazioni prodotte al momento dell’impatto con la pallina, donando immediatamente una sensazione di comfort assoluto alla tua racchetta. La principale causa di epicondilite derivante da attività sportiva sono le vibrazioni prodotte dal contatto tra la racchetta e la pallina. Senza un modo per fermarle, le vibrazioni arrivano direttamente al tuo braccio, sottoponendolo a un fortissimo stress. L’undergrip V.4 è quindi in grado di prevenire qualsiasi tipo di infortunio dovuto all’epicondilite, proteggendo i tendini, le articolazioni e la muscolatura dalla spalla al polso facendo sparire le vibrazioni, ammortizzate completamente nel manico.

Inoltre, l’assenza di vibrazioni agevola la gestione complessiva della racchetta e del gesto tecnico, semplificando automaticamente i tuoi colpi. Il tuo gioco ne gioverà, e sarai in grado di concentrarti e divertirti senza preoccupazioni e quindi, di conseguenza, migliorerai a vista d’occhio!

Come confermano i pareri di fisioterapisti e medici sportivi*, l’undergrip ARIV V.4 è in grado di assorbire fino al 70% delle vibrazioni dannose per tendini e articolazioni, dalla spalla alla mano. In particolare, le situazioni solitamente più dannose sono i colpi di rovescio, le volée e i recuperi al vetro (in quanto spesso è difficile prendere la palla nello sweet spot, causando quindi un impatto con una parte dura e meno elastica della racchetta).

*

Dr. Francisco J. Martin González, specialista in medicina dell’educazione fisica e dello sport presso Medideport - Istituto de Patologia del Aparato Locomotor y Fisiologia del Esercicio.